la cittÓ continua

HOME - BIO - PHOTO - BOOKS


CHI ARRIVA A TECLA, POCO VEDE DELLA CITT└, DIETRO GLI STECCATI DI TAVOLE, I RIPARI DI TELA DI SACCO, LE IMPALCATURE, LE ARMATURE METALLICHE, I PONTI DI LEGNO SOSPESI A FUNI O SOSTENUTI DA CAVALLETTI, LE SCALE A PIOLI, I TRALICCI. ALLA DOMANDA: - PERCH╔ LA COSTRUZIONE DI TECLA CONTINUA COS╠ A LUNGO? - GLI ABITANTI SENZA SMETTERE D’ISSARE SECCHI, DI CALARE FILI A PIOMBO, DI MUOVERE IN SU E IN GI┘ LUNGHI PENNELLI, - PERCH╔ NON COMINCI LA DISTRUZIONE. - RISPONDONO. E RICHIESTI SE TEMONO CHE APPENA TOLTE LE IMPALCATURE LA CITT└ COMINCI A SGRETOLARSI E A ANDARE IN PEZZI, SOGGIUNGONO IN FRETTA, SOTTOVOCE: - NON SOLTANTO LA CITT└. - SE, INSODDISFATTO DELLE RISPOSTE, QUALCUNO APPLICA L’OCCHIO ALLA FESSURA D’UNA STACCIONATA, VEDE GRU CHE TIRANO SU ALTRE GRU, INCASTELLATURE CHE RIVESTONO ALTRE INCASTELLATURE, TRAVI CHE PUNTELLANO ALTRE TRAVI. – CHE SENSO HA IL VOSTRO COSTRUIRE? - DOMANDA – QUAL ╚ IL FINE D’UNA CITT└ IN COSTRUZIONE SE NON UNA CITT└? DOV’╚ IL PIANO CHE SEGUITE, IL PROGETTO? - TE LO MOSTREREMO APPENA TERMINATA LA GIORNATA; ORA NON POSSIAMO INTERROMPERE. - RISPONDONO. IL LAVORO CESSA AL TRAMONTO. SCENDE LA NOTTE SUL CANTIERE. E’ UNA NOTTE STELLATA. – ECCO IL PROGETTO - DICONO.
- ITALO CALVINO, DA “LE CITT└ INVISIBILI”

NEL RACCONTO DI CALVINO IL CANTIERE, PERENNEMENTE IN PROGRESS IN MODO OSSESSIVO COMPULSIVO, DIVENTA LA METAFORA DI UNA CONTINUA EVOLUZIONE URBANA, PORTATA COS╠ ALL’ECCESSO DA NON AVERE UN FINE ULTIMO SE NON L’INFINITO. LEGGERE DI TECLA, DELLA SUA DESCRIZIONE, ╚ UN POCO COME RAFFIGURARSI LA TORINO DELL’ULTIMO DECENNIO, TEATRO DI CONTINUI CAMBIAMENTI A SCALA URBANA, DOVE LA PRESENZA DI ENORMI CANTIERI, DISSEMINATI OVUNQUE, ╚ LENTAMENTE DIVENTATA UNA CONSUETUDINE VISIVA. PORZIONI INTERE DI CITT└ VENGONO STRAVOLTE NON TANTO A FINE LAVORI, A CAMBIAMENTO AVVENUTO, MA SOPRATTUTTO DURANTE, IN QUELLA DELICATA FASE DI TRANSIZIONE, O MEGLIO DI GESTAZIONE, CHE ╚ RAPPRESENTATA DAL CANTIERE. L’IMMAGINE DI MACCHINARI, STACCIONATE, SCAVI O DEVIAZIONI DI TRAFFICO, SPESSO REPULSIVA E DESTABILIZZANTE, HA NEL CONTEMPO INSITA IN S╔ UN’ENERGIA POTENZIALE DA CUI ╚ IMPOSSIBILE NON RIMANERE AFFASCINATI. IL CANTIERE RISULTA ESSERE LA TRADUZIONE VISIVA DEL PROGETTO IN FIERI, DI UN’IDEA IN VIA DI CONCRETIZZAZIONE, UN LUOGO DOVE SI CONCENTRANO CONTEMPORANEAMENTE FORZA E PENSIERO. UNA CORALIT└ DI SGUARDI DIFFERENTI, ATTRAVERSO LE IMMAGINI D’AUTORE QUI IN MOSTRA, CERCANO DI CATTURARE E RESTITUIRE IL FASCINO E LA VITALIT└ INTRINSECA PROPRIE DEL CANTIERE URBANO, CHE ALTRO NON ╚ SE NON LA FASE EMBRIONALE DELLA CITT└ FUTURA.



INFERNO

PURGATORIO

PARADISO